mercoledì 6 novembre 2013

POLVERE SOTTO IL TAPPETO

Ottobre è finito, e devo dire che non posso che esserne felice. E' stato un mese orribile perché sono stata molto male.


Non ho intenzione di ammorbarvi con particolari e dettagli, anche se come una vecchia in ciabatte che rincorre il postino per avere nuove orecchie che la ascoltino, sarei molto tentata. Chissà perché gli avvenimenti dolorosi ci sembrano mille volte più interessanti da narrare di quelli felici. Chissà perché le mamme si soffermano sui dettagli raccapriccianti di un parto, e meno sulle capriole che fa il cuore al suo primo sorriso.


Vi dirò che ho passato momenti bui, freddi e duri, attanagliata da un dolore che reclamava tutto per se.
Gli attimi in cui la mente riusciva a fuggire erano pochi, pochissimi, ma sapete dove andava?


All'Ikea a comprare un tappeto. Eh sì, uno grande grande, possibilmente bianco e nero. Perché anche se quando qualcuno di molto autorevole, già molto tempo, fa mi aveva detto che il nero sarebbe stato il nuovo bianco, io avevo pensato che mai, io mai, avrei potuto cedere all'assenza di colori.


Però nella vita ho imparato che la cosa più stupida da fare è dire mai, e comunque ieri ho fatto una risonanza magnetica alla testa per cercare di spiegare questa strana pulsione.
E così settimana scorsa, nonostante sarebbe stato più saggio me ne restassi tranquilla a casa, proprio non ho resistito e all'Ikea ci sono andata lo stesso. Pare si chiami TRS (terapia di recupero svedese), e mi sono comprata un grande tappeto bianco e nero.


A quel punto ho dovuto comprare anche delle tende bianche e nere, perché se no lui si sarebbe sentito drammaticamente solo. E non voglio vedere musi lunghi in casa mia!
Certo, le tende bianco e nere sono rimaste ben poco, ma almeno ci ho provato. Non è colpa mia, è che sono state subdolamente attaccate da pennarelli e pezzi di stoffa mentre ero distratta.


Oggi Patagnoma, al posto di mettere via un puzzle lo ha infilato pezzo per pezzo sotto al tappeto, come faccio io per le pulizie al volo. Sì, faccio anche certe nefandezze.
La stessa cosa voglio fare di questi miei tristi giorni di ottobre, li voglio coprire con un grande e bel tappeto nuovo. in modo da camminarci e ballarci sopra nei mesi successivi, tanto da ridurli in minuscoli granelli di polvere che dispersi nell'aria voleranno via.
Ecco.



19 commenti:

  1. Per qualche motivo a casa tua, anche un tappeto in bianco e nero sembra pieno di colori. Anche nei giorni stanchi e bui lanci scintille di buonumore!

    RispondiElimina
  2. Sai perfettamente che il "bianco e nero" in me suscita sempre una certa emozione. Ma mai grande quanto vederlo così perfettamente inserito in mezzo a tutti i tuoi colori. Mi pare non ci siano soluzioni migliori di questa. E poi il bianco e il nero sono colori, che fanno a braccetto con l'arcobaleno!

    RispondiElimina
  3. Patama' riesci sempre a stupirmi... Spero che la mia Gaia cresca solare e fantasiosa come te! :)

    RispondiElimina
  4. Tu si che sei speciale! <3

    RispondiElimina
  5. Cara Olga, spero che la trs funzioni alla grande e cancelli ogni dolore. Intanto questo tappetto mette in valore tutti i colori che lo circondano. non sbagli mai maga dei colori! (Quelle tende con uccellini sono fantastiche, posso copiare -provare almeno- questi disegni deliziosi?)

    RispondiElimina
  6. L'istinto che ho avuto leggendo questo post e perdendomi come sempre nel tuo mondo colorato è stato quello di abbracciarti forte forte. Lo so bene che non ci conosciamo molto ma spero che la mia voglia di abbracciarti ti arrivi chiara e limpida e ancor di più spero che tutte le nuvole passino, magari per sempre.
    Il tappeto sta lì come il parmigiano sui tortelli e le tende pure, che poi però senza quel tocco di colore proprio non si poteva. Ma il Signor IKEA come mai non ti ha ancora reclutata? Secondo me dovrebbe... #signorikeasvegliati

    RispondiElimina
  7. Io ormai non posso far altro che sospirare leggendo i tuoi post. Mi portano letteralmente in un altro mondo...

    RispondiElimina
  8. Chi non ha bisogno ogni tanto di una Terapia di Recupero Svedese? A me basta leggere i tuoi post e subito un soffio d'aria leggera e calda, come il vento in riva al mare, porta via da me tristezze e amarezze... io prenderei te in pillole cara Gaia se potessi farti polvere... allora ti metterei in una scatolina ( tutta colorata, ovvio) per respirarti quando tutto sembra andare per il verso sbagliato... un abbraccione
    Serena

    RispondiElimina
  9. Io amo la tua casa, amo le tue foto e ti ammiro tanto. E sopra il tappeto mettici tutti gli abbracci che ti stiamo inviando, che quel tappeto è davvero bello. Devo andare anche io a fare una TRS presto:-)
    Elena

    RispondiElimina
  10. quelle tende le ho anche io, ma sono rimaste in bianco e nero... mi hai dato una bella idea.
    Intanto forza, i periodi grigi passano e presto torna il colore...

    RispondiElimina
  11. Ciao. Scienziata vuole darti un motivo in più per amare il tuo tappeto. Vado? http://lacreativaelascienziata.wordpress.com/2013/11/07/nero-e-bello/

    RispondiElimina
  12. Un abbraccio coprente e caldo come un tappeto! ;-) VAle

    RispondiElimina
  13. che bella casa allegra che hai!

    RispondiElimina
  14. risonanza anche per me ieri, un'ora in quel loculo e poi...shopping. Che bello il tuo salotto, quanti colori. Io ho preso il cuscino come il tappeto..quasi quasi

    RispondiElimina
  15. Io ADORO la tua casa, quanta allegria trasmette!!

    RispondiElimina
  16. ciao Gaia tutto bene?i tuoi silenzi non sono quasi mai stati portatori di belle novità da quando ti leggo, e dopo l'ultimo post sono un pò preoccupata... spero tu stia meglio Elisabetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Elisabetta, ma perdere un mese vuol dire anche avere un sacco di arretrati. Anche solo casalinghi. Per dire, non ho ancora fatto il cambio degli armadi. E fuori nevica! Arhhhg.
      Comunque grazie :-**

      Elimina