mercoledì 18 giugno 2014

PORTOGALLO: GIORNO TRE

Con la nostra ormai ammessa flemma il terzo giorno abbiamo finalmente deciso di recarci là dove avevamo sempre detto saremmo andati. "Dove andate quest'estate?" " a Lisbona". Siamo gente di parola. Per andarci da Cascais basta prendere un treno. Nuovo, pulito, efficiente. Uno ogni venti minuti. E per fortuna, perché sono pure puntuali. Vorrei raccontarvi dettagliatamente lo sconcerto e l'incredulità di Patapà quando fermo sul binario alle e 45 di un' imprecisata ora intorno al mezzo del giorno, non riusciva a scorgere più il treno che doveva partire alle e 44. E che infatti era partito. Puntuale, quindi noi lo avevamo perso.
Comunque a Lisbona ci siamo arrivati, anche se venti minuti più tardi del previsto.
E subito l'aria, il fiume, le strade che si facevano sempre più strette, sempre più irte e sempre più affollate di turisti.


Su fino ad Alfama. I Portoghesi sono così ospitali che l'avevano tutta addobbata, sicuramente sapendo del mio compleanno imminente (no, sant'Antonio non c'entra niente, e poi non veniva da Padova?). E poi giù di nuovo, con scorci che si aprono all'improvviso, sul blu del fiume, l'azzurro del cielo, il luccichio verticale degli azulejos.



Ci siamo fermati, i piedi di Patasgurzo scottati dal sole del giorno precedente chiedevano una pausa.
Patagnoma decide che invece lei, che è stata scorazzata sul passeggino, vuole ballare. Pochi passi soltanto e come uscito da un' intonaco scrostato arriva lui. Completo bianco, sorriso smagliante e berretto che sapeva di giornate fresche di sorbetto. Le piccole fanciulle di casa hanno così imparato a ballare il cha cha cha.



Gli occhi di Patagnoma, nuovamente seduta, vengono ripetutamente stropicciati, è giunta l'ora di riguadagnare la stazione e tornare a casa.



La sera, fresca e luminosa, rotoliamo giù di nuovo per le strade di Cascais fino a ritrovarci a mengiare in spiaggia. Il cielo si tinge di rosa, e il giorno tre si adagia sull'orizzonte.


10 commenti:

  1. Che bello il tuo racconto e le foto poi..

    RispondiElimina
  2. Un racconto lieve attraverso le le immagini... adoro!

    RispondiElimina
  3. La vostra vita è un bellissimo film...

    RispondiElimina
  4. Bellissime foto e stupendo post...oltre che bellissimi voi! Ti conosco oggi grazie al blog di Mamma Book...complimenti per il premio, meritatissimo e complimenti per il blog! Viaggio stupendo!!!!

    RispondiElimina
  5. Che bello questo viaggio..ci sono stata qualche anno fa e ci tornerei domani, Lisbona mi ha preso un pezzettino di cuore!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh, me lo ricordo il tuo viaggio in Portogallo...quando ero a Sintra volevo andare da Luz e dirle, hei, io conosco l'Ilaria ……-D

      Elimina