domenica 9 settembre 2012

LA CUCINA DI PATASGNAFFA

Quest'anno in campagna Patasgnaffa, grazie alle operose e instancabili mani di nonnAnto, ha avuto a disposizione uno spazio tutto per lei. Un angolo degno di una principessa. Una cucina realizzata con due comodini e un catino di zinco, un tavolino, una toilette con specchio e trucchi, una lavagna per essere maestra .... inutile dire che ha passato li' un sacco di tempo, organizzando pranzi e feste per cui doveva farsi bella.





Tutto perfetto, mancavano solo i fornelli che pero' ha realizzato lei stessa dorando dei pomelli e dei sottobicchieri...trasformandosi all'occorrenza in un inquietante bandito!



14 commenti:

  1. No scusa ma questa chiccheria dove si trova... la mini-cucina splendida ma io dico anche tutto il resto.. che splendore!

    RispondiElimina
  2. questa fanciulla sa come conquistare il cuore degli uomini (chiunque essi siano, qualunque età abbiano)...

    RispondiElimina
  3. Patasgnaffa è davvero fortunata!! Bellissime le realizzazioni, è un sogno uno spazio così!

    RispondiElimina
  4. E' genetica, ora ne ho la prova!

    RispondiElimina
  5. Non ho parole! Tutto bellissimo, qui' la creativita' si respira nell'aria
    Serena

    RispondiElimina
  6. Ma questa mini cucina è stupenda,il sogno di ogni bambina!!!!! Complimenti al nonno!

    RispondiElimina
  7. tu e nonno Anto, mi adottate per favore?
    ;)
    p.s. ieri siamo ripassati da te, ma avevamo cucciolo di golden retriever di amici al seguito provato dal malo d'auto...la prossima volta però ti avviso, sul serio. A Nico ho già raccontato di L. e delle sue maglie da calcio sintetiche ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti lascio la mia mail perchè per le improvvisate, gradite, il cellulare è d'obbligo! ....il cucciolo avrebbe reso felice Patagnoma....anche vomitante
      Gaia8gaia@gmail.com

      Elimina
  8. Non sono un tipo pignolo ma qui occorre una precisazione, non è colpa vostra, è la nostra famiglia che è complicata.
    nonnAnto non è un nonno e non ha legami di sangue con i Patasgnaffi. È la compagna di NonnoRo il papà di Patapà ( sembra uno scioglilingua). I Patasgnaffi la chiamano Anto, ma quando il nonno si degnerà di sposarla la chiameranno nonna, perchè loro sono tipi fiscali.
    Lei armata di cartavetrata, cementite e colori delicati trasforma orribili mobili in meraviglie shabby. Non abbiamo esattamente la stessa palette di colori ma andiamo comunque molto daccordo ;-)

    RispondiElimina
  9. meraviglia! davvero un sogno! e complimenti a patasgnaffa per la doratura :)

    RispondiElimina