giovedì 29 novembre 2012

PER NOI DUE SOLI


Il desiderio di avere dei cloni penso di averlo sempre avuto. 
Da piccola per mandarne una a mangiare al posto mio. Una che facesse il bagno (o meglio che ne uscisse mentre io me ne sguazzavo ancora al calduccio). Piu' avanti ne avrei voluta una che facesse i miei compiti, quantomeno quelli di matematica, e andasse a scuola in quei giorni da strappare dalla Smemo.
E poi quella che andasse al lavoro, pulisse la casa, facesse la spesa, leggesse un libro, dipingesse una sedia, facesse dei figli, andasse in vacanza. prendesse un aperitivo, avesse mal di testa, lavorasse a maglia, uscisse con le amiche.....potrei andare avanti all'infinito, perche' la vita e' piena di cose meravigliose che vorresti fare tutte insieme e di cose meno belle che comunque ti tocca fare.
Adesso poi ho avuto la bella pensata di fare tre figli, senza pero' risolvere prima la questione dei cloni.
E anche se adoro averli tutti e tre insieme, che ridono, piangono, cantano, urlano, e mi incanto a guardare quello stesso filo che li unisce, quella rotondita' della guancia, quello sguardo un po' truce, quel biondo che si sfuma uno nell'altro, a volte mi sembra di non farcela, di non essere abbastanza per ognuno di loro.
E se con Patagnoma vivo ancora in semisimbiosi, se dove finisce la mia mano spesso c'e' la sua, piccola e morbida, e con Patasgnaffa ho un pomeriggio da passare insieme per portarla a far circo dall'altra parte del Lago, Patasgurzo, un poco ruvido, un poco tenero, un poco sorridente, un poco malmostoso, un poco bambino, un poco ragazzino e' quello che mi sfugge di piu'. Ed e' quello che in questo periodo, pronto com'e' ormai al grande salto, in realta' ha piu' bisogno della mamma, tentennando  tra il crescere e l'accoccolarsi tra calde braccia.
Allora ho deciso, visto che di cloni ancora in giro non ce ne sono, di prendermi un pomeriggio ogni tanto da passare sola con lui.
E cosi' ieri ha bigiato il pomeriggio, e gia' per questo mi ama un po' di piu', e siamo andati a farci un giro in citta'....in una giornata non proprio ideale. Ma Milano, lucida e fradicia ci ha comunque premiato, le macchine si affollavano per le strade, ma senza quella nevrosi da pioggia che spesso si scatena. I tram passavano veloci e non troppo pieni. L'acqua cadeva abbondante, ma non troppo gelida.

Siamo stati a vedere Picasso, e non abbiamo fatto neanche la coda. All'inizio voleva solo vedere ritratti "in cui si vedessero le persone davvero" ma poi si e' appassionato al gioco "io qui cosa ci vedo" e, per la miseria, non ne ha sbagliato uno! 



Seduto per terra, indifferente ai piedi che gli stavano attorno ha anche schizzato un paio di quadri.





Poi siamo andati da Olivia, la sua prima amica, quella con cui chiaccherava attraverso il liquido aminotico, e abbiamo aspettato che ci portassero del cibo messicano, che desiderava provare ormai da mesi (ovviamente quello preparato da me non valeva). 




Dopo cena abbiamo fatto la stessa strada percorsa mille volte nei suoi primi tre anni di vita, quando ancora era l'unico patasgnaffo per casa. Quando andava a giocare dalla piccola Olly e visto che c'era mangiava, si faceva il bagno e si faceva prestare un pigiama. E cosi' spingevo un passeggino con un bambino (teoricamente) pronto per andare a nanna. 
Ieri invece ho seguito un ragazzino in jeans che boffonchiava di goal e autogoal....ed  e' stato comunque bellissimo. 


29 commenti:

  1. Mi piace tutto quel che scrivi. Ma quando racconti di lui e di come vivi il vostro legame, mi commuovi ogni volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai non dire così che mi commuovo io!

      Elimina
  2. Dovevi venire anche a trovare me! Così gli facevo sentire un po' di musica... quì poi ieri c'era Jovanotti... :-)
    Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mannaggia e io che ieri ho comprato il suo cd! ...Patasgurzo mi avrebbe amato moltissimo!

      Elimina
  3. E secondo me avete fatto proprio bene. Il mio nipotino più grande ha 10 anni e già da un po' sente il bisogno dei suoi spazi, di staccarsi dal fratello che è un simbionte (8 anni) e stare da solo, soprattutto con la mamma... tempo fa mia cognata ha fatto come te, si è presa un pomeriggio e sono andati loro due in giro per parma... rientrando lui ha esclamato che era stato "il giorno più bello della mia vita"... *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sanno come spezzarti il cuore e ricomporlo con una sola frase

      Elimina
  4. Bellissimo, mi sono anche commossa, e ci penso che io sarei stata la bimba più felice del mondo con una mamma come te. Ma la prossima volta venite che il cibo messicano con tanti teschi e kitsch ve lo preparo io. Mayda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda che l'ho pensato...e visto che vuole vedere delle statue che sembrano persone vere, anche se hanno le vergogne esposte, Roma è assolutamente in programma....occhio!

      Elimina
  5. Ero anche io ieri a Milano sotto la pioggia! Hai ragione, questi cuccioloni brontoloni hanno molto bisogno della mamma... :-)

    RispondiElimina
  6. Secondo commento: però che mano artistica ha Lapo! Accidenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non lo dovrei dire io che sono la mamma, ma vero!?

      Elimina
  7. Brava Gaia,davvero!!!!! A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma buon giorno!...tu lo sai di essere diventato il nuovo idolo di Patasgurzo, in quanto guru di fantacalcio!?

      Elimina
  8. Ecco Gaia, i tuoi post vanno tutti nella lista del +
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi posso tenere in libro nero solo per te ( e c'è ne sarebbe da scrivere ;-p)

      Elimina
    2. Facciamo finta che non esista ;-)

      Elimina
  9. è importante dedicare dei momenti con i proprio figli senza fratelli intorno!

    RispondiElimina
  10. Goditelo più che puoi, che in un attimo te lo ritrovi un uomo, nostalgia canaglia! ;)) Mi sa che il ragazzo abbia preso dalla mamma il tocco dell'artista: il suo disegno è bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sento che sta fuggendo via e vorrei tenerlo stretto stretto!

      Elimina
  11. 'boffonchiava di goal e autogoal...'
    ah, quindi non passa la fissa dopo gli 8 anni?
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo proprio di no...forse tra un po' penserá a gambe più graziose e affusolate...

      Elimina
  12. Mi hai lasciato senza parole, com un mare di pensieri e un'ondata di paura. Perchè è vero (non ci credevo quando a 3 mesi piangevano ancora per le coliche)che crescono troppo velocemente e noi siamo schiacciate dal senso di impotenza..poi una voce "mamma facciamo il puzzle?" l'altra voce "mamma perchè gli ornitorinchi fanno le uova se sono mammiferi?", "mamma ho sete!", "mamma...coccole". La meravigliosa, felice, caotica realtà dove l'amore non si spartisce, si moltiplica.. sempre!
    Ti abbraccio
    Aina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto anch'io le coliche e ti assicuro, mi sembra ieri!

      Elimina
  13. Passo di qui e ti mando un abbraccio.... Lo farò anch'io...

    RispondiElimina
  14. Hi Hi, ti manca solo quello! ;-)

    RispondiElimina
  15. Sei bravissima Gaia i tuoi post mi piacciono tanto...vorrei avere anche io la tua capacità di esprimere i pensieri...Ho un figlio ormai diciassettenne e vorrei ricordare tutti i momenti che ho trascorso con lui....ma il tempo che passa cancella i ricordi quotidiani...rimangono solo i momenti speciali come quello chehai trascorso tu con tuo figlio...quanto vorrei però ricordare tutto e non perdere niente...vorrei a volte potremo riabbracciare mio figlio ancora bambino ...un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Mio Dio che paura...presto capiterà anche a me. Io che da piccola ho sempre avuto troppa fretta di libertà e di uscire dal nido, immagino che le mie cianfrusaglie non faranno che anticipare i miei passi di un tempo. Eppure è la cosa più naturale del mondo...

    RispondiElimina